Cambia Visualizzazione
Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti - ONLUS / Sezione di Lucca
 

Agevolazioni per il settore Auto

In questa sezione abbiamo raccolto le agevolazioni che riguardano il settore auto, a partire dall'acquisto e dalla detrazione fiscale, per arrivare al bollo auto e al contrassegno invalidi.

Ma prima di inoltrarti in normative e diritti, ti consiglio di leggere chi ne può usufruire.

 

Chi ne ha Diritto

Sono ammessi alle agevolazioni i disabili non vedenti, ovvero coloro che sono colpiti da cecità assoluta o che hanno un residuo visivo non superiore ad un decimo ad entrambi gli occhi con eventuale correzione.

Potrà beneficiare di tutte le agevolazioni previste (cioè, ai fini Irpef, Iva e bollo auto) anche un familiare che ha sostenuto la spesa nell'interesse del disabile, a condizione che questo sia da considerare a suo carico ai fini fiscali. Per essere ritenuto "a carico" del familiare il disabile deve avere un reddito complessivo annuo entro la soglia di 2.840,51 euro. Ai fini del limite, non si tiene conto dei redditi esenti, come ad esempio le pensioni sociali, le indennità (comprese quelle di accompagnamento), gli assegni e le pensioni erogati ai ciechi civili.

Superando il tetto è necessario, per poter beneficiare delle agevolazioni, che i documenti di spesa siano intestati al disabile (e non al suo familiare).

Nel caso in cui più disabili siano fiscalmente a carico di una stessa persona, la stessa può fruire, nel corso dello stesso quadriennio, dei benefici fiscali previsti per l'acquisto di autovetture per ognuno dei portatori di handicap a suo carico.

 

Detraibilità ai fini IRPEF delle spese di acquisto di auto

Le spese riguardanti l'acquisto dei mezzi di locomozione dei disabili danno diritto a una detrazione d'imposta pari al 19% del loro ammontare.

Per mezzi di locomozione s'intendono le autovetture, senza limiti di cilindrata, usati o nuovi. La detrazione compete una sola volta (cioè per un solo veicolo) nel corso di un quadriennio (decorrente dalla data di acquisto) e deve essere calcolata su una spesa massima di 18.075,99 euro.

Se il disabile non è fiscalmente a carico, il documento di spesa deve essere a lui intestato. Se, invece, il disabile è fiscalmente a carico, il documento comprovante la spesa può essere indifferentemente intestato al disabile o alla persona di famiglia della quale egli risulti a carico.

 

Agevolazioni IVA per spese di acquisto di auto

È applicabile l'Iva al 4%, anziché al 20%, sull'acquisto di autovetture aventi cilindrata fino a 2000 centimetri cubici, se con motore a benzina, e fino a 2800 centimetri cubici, se con motore diesel, nuove o usate e sull'acquisto contestuale di optional. L'aliquota agevolata si applica solo per acquisti effettuati direttamente dal disabile o dal familiare di cui egli sia fiscalmente a carico. Restano pertanto esclusi da questa agevolazione gli autoveicoli (anche se specificamente destinati al trasporto di disabili) intestati ad altre persone, a società commerciali, cooperative, enti pubblici o privati. L'Iva ridotta per l'acquisto di veicoli si applica, senza limiti di valore, per una sola volta nel corso di quattro anni (decorrenti dalla data di acquisto).

 

Esenzione permanente dal pagamento del bollo

L'esenzione dal pagamento del bollo auto riguarda i veicoli, con i limiti di cilindrata previsti per l'applicazione dell'aliquota Iva agevolata e spetta sia quando l'auto è intestata allo stesso disabile, sia quando risulta intestata a un familiare di cui egli sia fiscalmente a carico.

L'ufficio competente ai fini dell'istruttoria di nuove pratiche di esenzione dal bollo auto, cui il disabile dovrà rivolgersi, è l'Aci.

Se il disabile possiede più veicoli, l'esenzione spetta per uno solo dei veicoli che lui stesso potrà scegliere.
La documentazione va presentata entro 90 giorni dalla scadenza del termine per il pagamento non effettuato a titolo di esenzione (un eventuale ritardo nella presentazione dei documenti non comporta, tuttavia, la decadenza dall'agevolazione in presenza delle condizioni soggettive stabilite dalla normativa vigente al momento).

Il disabile che ha fruito dell'esenzione deve, per il primo anno, presentare o spedire per raccomandata A/R all'Ufficio competente la documentazione richiesta.

L'esenzione dal pagamento del bollo auto, una volta riconosciuta per il primo anno, prosegue anche per gli anni successivi, senza che il disabile sia tenuto a rifare l'istanza e ad inviare nuovamente la documentazione. Dal momento in cui vengono meno, però, le condizioni per avere diritto al beneficio (ad esempio, perché l'auto viene venduta) l'interessato è tenuto a comunicarlo allo stesso ufficio a cui era stata richiesta l'esenzione.

Non è necessario esporre sul parabrezza dell'auto alcun avviso circa il diritto all'esenzione dal bollo.

 

Contrassegno invalidi

E' prevista la possibilità per i disabili con capacità di deambulazione sensibilmente ridotta, quindi anche ai ciechi e agli ipovedenti gravi, di ottenere tale contrassegno.

Il contrassegno,che va esposto , consente di viaggiare su qualsiasi vettura, percorrendo le corsie riservate ai mezzi pubblici e le strade ad accesso limitato. Consente, inoltre,di parcheggiare la macchina negli appositi parcheggi gialli riservati agli invalidi, di sostare senza limiti di tempo nei parcheggi con disco orario e, qualora i parcheggi riservati siano già occupati, di sostare gratuitamente nei parcheggi a pagamento.

Per ottenere tale contrassegno è sufficiente farne richiesta al Sindaco del Comune di residenza (ovvero ai Vigili Urbani del Comune di residenza), allegando la documentazione attestante la minorazione visiva.

Il contrassegno è valido in tutto il territorio nazionale e deve essere rinnovato ogni cinque anni, presentando una semplice dichiarazione del medico curante che attesta il permanere della minorazione.

I titolari del contrassegno possono chiedere al sindaco che venga delimitata un'area di parcheggio riservata nelle zone ad alta densità di traffico.

In alcune grandi città sono stati installati dei varchi elettronici che consentono l'accesso al centro storico solo dietro pagamento di un apposito tiket o non lo consentono affatto. Per garantire la libera circolazione dei disabili all'interno di tali aree sono previste particolari procedure che variano da comune a comune. Per ulteriori informazioni rivolgersi al numero verde 800 15 44 51

N.B.: il contrassegno va usato solo ed esclusivamente quando a bordo è presente il disabile!

Home Page

In Primo Piano

L'unione

Agevolazioni

Glossario

Attività

Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti
Via Lorenzo Nottolini, 119/C – CAP 55100 – LUCCA
Telefono: 0583 56799 – Fax:0583 057675