Cambia Visualizzazione
Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti - ONLUS / Sezione di Lucca
 

Soffio di vento

 

Alessandro Sebastiani

Venti che soffiate portate via tutta la tristezza
Venti che soffiate portate la gioia
Venti che soffiate portate via tutta la cattiveria dal mondo
Venti che soffiate portate l’amore in tutti i paesi del mondo

 

Angelo Ricci

Correvo felice con la brezza sul viso,
ero un bambino dal cuore giocondo e
sono vissuto, sempre correndo
fino a che un giorno mi sono fermato
ed in un soffio di vento, ho sentito una voce,
la voce di lei!
Ascoltandola bene, guardavo nel cielo
mentre un timido raggio di sole, illuminò il mio cammino,
ed ascoltando, seguendo quel raggio,
da dove spirava una dolcissima brezza,
mi apparve il suo viso di donna.

 

Caterina Caviglia

Un soffio di vento
spalanca una finestra improvvisamente
un forte profumo di primule e viole
invade l'umida stanza
ora felice d'essere abbracciata dai raggi del sole
grida festose di bimbi riempono di quadri le nude pareti
tutt'intorno è vita
Dolce musica
l'infrangersi dell'onde che lambiscono il grande faro bianco
svolazzano intorno gabbiani
che attendono che il mare a loro conceda un pesce distratto per cena
Pensieri, ricordi emozioni portati da un soffio di vento,
peccato non poterlo catturare
però una cosa posso fare
regalarvi questo così sentito madrigale

 

Claudio Gervasoni

Se cerchi gli angeli...
non guardare molto lontano.
essi non sono distanti
ma sono qui
vicino a noi
vestono i nostri abiti, sorridono con il nostro volto
vivono in noi.

Ognuno di noi è angelo di se stesso nella misura in cui si riconosce tale
ci siamo dimenticati che quel giorno abbiamo deciso di nascondere le nostre ali
e nell'umiltà poter dimostrare la nostra grandezza
e la più profonda grandezza è riuscire ad Amare.

Amore. Che grande parola.
Amore è delle piccole cose che alla fine sono le più grandi.
Amore è accogliere con un sorriso, perché nessuno mai sarà così povero da non poter donarne uno.
Amore è quel tocco dato ad uno sconosciuto, ma che parte dal cuore.
Amore è cercare in fondo, dentro di noi
e in quel meraviglioso scrigno chiamato cuore trovare noi stessi
avere la forza e l'audacia
(perché è audacia in questo mondo)
di donare e mostrare le perle preziose che in esso possediamo.

Non lasciare che gli eventi o le persone spezzino le tue ali
è difficile perché se doniamo tutto
tutto possiamo perdere
ma in realtà tutto ci viene donato
attraverso la vita che è tale solo se vissuta con amore.

Nello spazio del mio cuore ho trovato un angelo
non chiedete spiegazioni alle mie parole
partono dal cuore ed è nel vostro cuore che vogliono arrivare
e quell'angelo è ora il mio migliore amico,
mi parla con voce saggia e sicura

ci sono dei momenti della mia vita in cui esso si vuol far sentire
quei momenti li chiamano "pelle d'oca"
ma io li chiamo "il tocco di un angelo".
Ascolta quei momenti
sono i più importanti
perché l'angelo che c'è in te, ti vuole parlare...

Se anche per un solo istante avranno vibrato le corde del tuo cuore,
se le mie emozioni saranno state anche le tue
questo scritto avrà raggiunto il suo scopo.
Questo per me è un soffio di vento.

 

Enzo Bonotti

Il soffio di vento,
è il tuo respiro.
Il soffio di vento,
è il tuo ricordo.
Grazie di avermi dato un po’ del tuo tempo.
Il soffio di vento,
mi aiuta, quando sono seduto davanti al mare,
attraverso il tramonto sorrido.
PENSO CHE SEI STATA MIA.
Grazie di avermi fatto felice.
Il soffio di vento,
è quel respiro che ho amato tanto,
e che non dimenticherò mai.
Ancora, vado nei posti dove sei stata tu,
sperando di ritrovare, quel soffio di vento che mi hai lasciato,
e che porterò sempre con me.

 

Marco Lemmetti

Aria,
soffio di vento che accarezza la tua soffice pelle,
soffio di vita che alimenta il cuore di ogni persona.
Aria,
soffio di vento,
vento di passione,
vento di vita,
soltanto vento,
anzi soltanto aria.

 

Naida Benedetti

Françoise ha 15 anni, occhi nerissimi, capelli dello stesso colore divisi in tante piccole treccine che le sfiorano le spalle minute coperte da una giacca a vento rossa, le gambe come i piedi sono nude. Siamo a dicembre e in quel piccolo paese dell'Africa centrale la temperatura sfiora già i 40 gradi anche alle dieci di mattina, orario in cui tutte le Domeniche lascia la sua abitazione per raggiungere la vicina chiesa cattolica per assistere alla messa. Oggi però è un giorno particolare perchè in concomitanza con le feste natalizie sono arrivati i pacchi dono dall'Italia . La sera del sabato la gioia dei ragazzi e delle ragazze è stata veramente grande allorchè è arrivato il momento di aprire pacchi e pacchetti dove tutti hanno trovato qualcosa da indossare il giorno dopo. E non importa se il contenuto di questi regali consisteva in oggetti per loro fuori stagione come sciarpe, maglioni di lana, guanti e giacche a vento; infatti i generosi donatori non avevano tenuto presente che dicembre in Africa è il periodo più caldo dell'anno. Françoise la notte prima di dormire ha espresso il desiderio che la mattina ogni tanto ci fosse un colpo di vento per essere in tono con quella bellissima giacca rossa che le hanno detto in Italia chiamarsi giacca a vento.

 

Silvia Chelazzi

Aspettavo il vento.
Volevo che il suo forte soffio
spiegasse le mie vele.
Aspettavo il vento.
Volevo che il suo forte soffio
dirigesse la mia barca.
Aspettavo il vento.
Volevo che il suo forte soffio
mi facesse cavalcare le onde del mare.
Aspettavo il vento,
ma è arrivato un uragano.
Le mie vele si sono squarciate,
la mia barca si è spezzata,
sono stata sovrastata dalle onde.

Ho amato allora la quiete,
ma i resti delle mie vele si impregnavano di acqua.
Ho amato allora la quiete,
ma i resti della mia barca galleggiavano sparpagliati.
Ho amato allora la quiete,
ma venivo trasportata alla deriva.

Non aspettavo più niente,
Ed ecco sei arrivato te:
lieve soffio di vento.

Home Page

In Primo Piano

L'unione

Agevolazioni

Glossario

Attività

Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti
Via T. Bandettini, 10 – CAP 55100 – LUCCA
Telefono: 0583 56799 – Fax:0583 057675